Stiamo lavorando allo sviluppo di un sistema integrato di sensori per il monitoraggio “intelligente” dell’irrigazione dei terreni ad uso agricolo.
In particolare, stiamo realizzando una piattaforma di rilevazione in cui i sensori di irrigazione avranno la caratteristica principale di essere stabili a lungo termine, a basso consumo e con costi contenuti. La stabilità nel tempo sarà garantita per mezzo di elementi multipli di rilevamento integrati su un unico dispositivo, in modo tale da compensare le variazioni ambientali (temperatura, eventi piovosi, ecc.).
La metodologia ad elementi multipli permetterà di fornire informazioni dettagliate sulla sostenibilità dell’irrigazione. Il sensore avrà dimensioni ridotte e sarà provvisto di un segnale di uscita direttamente calibrato in termini di “qualità dell’irrigazione”. Per valutare quale sia la soglia di umidità ottimale a disposizione per le radici il sistema di sensori sarà accoppiato ad un software basato su algoritmi di intelligenza artificiale che correlerà lo stato di “benessere” delle piante (valutato indipendentemente) con il livello ottimale di irrigazione.
La valutazione del “benessere” delle piante sarà affidata a specifici test di valutazione della vitalità vegetale da eseguire con cadenza prestabilita. A tali approcci di tipo one-spot saranno accoppiati metodi di monitoraggio in continuo per mezzo di speciali videocamere con rivelatori nelle lunghezze d’onda IR-NIR-Vis. Le videocamere saranno fisse, focalizzate su precise zone strategiche, e mobili ad ampio range di azione, movimentate da droni. Si ricaverà con tale metodologia il cosiddetto normalized difference vegetation index. Tale indice sarà correlato ai livelli di irrigazione in modo tale da poter permettere all’algoritmo di intelligenza artificiale di apprendere quale sia il miglior quantitativo di acqua nella zona sotto indagine.
Raggiunto un livello ottimale di apprendimento dell’algoritmo di intelligenza artificiale, la piattaforma sarà in grado di proseguire autonomamente nella gestione del processo di irrigazione anche per mezzo delle sole informazioni delle analisi one-spot.

Rassegna stampa

Mal secco degli agrumi: incontro del GOI-gruppo operativo per l'innovazione

La ricerca e le buone pratiche agronomiche per contrastare il mal secco degli agrumi